martedì 27 gennaio 2009

LASCIARTI PIANGERE



16/01/2009

Il pianto del bambino,
diciamocelo,
destabilizza sempre un po' i genitori.
Quel pianto disperato per le coliche, per i dentini o per un nulla
quel pianto che ti tocca le corde del cuore...
e dei nervi, a volte
che ti lascia impotente altre.
Ma è il loro metodo di comunicazione e tu, speri,
che crescendo i canali di comprensione migliorino.
E ti aspetti ciò che di norma e regola è
l'immaginario collettivo dell'infanzia:
gioia, allegria e spensieratezza.
E ti destabilizza quel pianto
del tuo bambino, ormai cresciuto,
così sensibile che per un tono, un cartone alla tv, per stanchezza
o per un non so che scoppia in singhiozzi.
E allora non puoi altro che abbracciarlo
lasciando sfogo a tutta quella malinconia.
Anche se ti chiedi,
in questa società di genitori perfetti,
osservando l'allegria bambina degli altri coetanei
il perchè di questa tristezza nonostante le spiegazioni e le rassicurazioni
e mille dubbi di errori ti si affacciano alla mente.
Finchè un giorno lo stesso cartone,
( fino ad allora archiviato dietro la pila di dvd)
che lo faceva disperare fino a vomitare da tanta concitata disperazione,
non sortisce più alcuni effetti.
E allora ti rendi conto che sta crescendo
che sta diventando padrone delle sue emozioni
gestore di se stesso.
E se piangerà ancora lo lascerò fare
e aspetterò con lui che abbia versato ogni lacrima.
E' il suo "diritto di piangere"
di rimanere sensibile in un mondo dove il pianto da da pensare solo ai grandi.

Nessun commento: